Natura

Parlare di bellezze della natura al cospetto di sua maestà il Monte Bianco potrebbe sembrare ridicolo. In realtà, la grande montagna soddisfa ampiamente le aspirazioni di tanti, ma non copre necessariamente tutti gli aspetti dell’interesse per la natura. Sotto questo aspetto, rappresentano un’alternativa i giardini botanici, i parchi e le oasi naturalistiche della zona.

Bellezze naturali nei dintorni di Courmayeur

Il caratteristico Lago del Miage, in Val Veny.
Il caratteristico Lago del Miage, in Val Veny

Dal punto di vista naturalistico, Courmayeur ospita molte mete interessanti.
Veramente pittoresco è il laghetto del Miage, in Val Veny, sulle cui acque termina a picco un ramo della lingua seraccata del ghiacciaio del Miage. Nella sua corsa verso valle il ghiacciaio trascina grandi blocchi e minerali, dove è frequente trovare anche cristalli di quarzo. Bellissimi esempi se ne trovano al Museo Alpino Duca degli Abruzzi di Courmayeur e in altre esposizioni permanenti.
Uno spettacolo meno roboante, ma non meno interessante, è quello delle fonti di acque ferruginose nel vallone di Belle-Combe in Val Ferret, con le caratteristiche bolle d’acque rosso sangue, oggi in parte rovinate da recenti fenomeni alluvionali.
Per gli appassionati di botanica vale una visita il giardino botanico alpino Saussurea, allestito al Pavillon du Mont Fréty, stazione intermedia della Skyway del Monte Bianco. Dal giardino parte anche un interessante percorso naturalistico, che tra prati, valloni e roccette, conduce a un suggestivo belvedere sul superbo ghiacciaio della Brenva.

Le valli nel territorio di Courmayeur sono abitate da una grande quantità di animali selvatici. Frequenti gli incontri di camosci e stambecchi, soprattutto in Val Ferret, alle pendici del Monte Bianco e nei valloni antistanti. Numerose anche le volpi e i cervi. In anni recenti hanno fatto la loro comparsa anche aquile, gipeti, falchi e… i lupi.

Bellezze naturali in alta Valle d’Aosta

Cristalli di quarzo nel Museo Alpino Duca degli Abruzzi di Courmayeur.
Cristalli di quarzo nel Museo Alpino Duca degli Abruzzi di Courmayeur

Lasciando Courmayeur e procedendo in direzione di Aosta è possibile visitare varie riserve naturali, ognuna caratterizzata da elementi specifici: la Riserva Naturale del Marais a La Salle, la Riserva Naturale del Lago di Lolair nei pressi di Arvier, la Riserva naturale Côte de Gargantua a Gressan.
Nei pressi di Saint-Pierre e Saint-Nicolas (Rumiod) si possono visitare due siti famosi per le caratteristiche formazioni di calanchi e piramidi di terra.
Entrando nelle valli di Rhême e Valsavarenche, o nella valle di Cogne si può visitare il grande Parco Nazionale del Gran Paradiso, primo parco nazionale d’Italia, ricchissimo di camosci e stambecchi.

Stambecchi, camosci, caprioli, marmotte, falchi, scoiattoli sono gli animali più caratteristici del territorio di Courmayeur. Li si può incontrare abbandonando le strade più frequentate e percorrendo i sentieri della Val Ferret e della Val Veny. Ma non deve stupire se anche in centri abitati come Planpincieux, in Val Ferret, ci si può imbattere in animali schivi, come le volpi.

Bellezze naturali nella vicina Francia e Svizzera

Impronte di dinosauri nella conca du Vieux Emosson.
Impronte di dinosauri nella conca du Vieux Emosson

Ben più strano è immaginare di vedere a pochi centimetri dal proprio naso le impronte di dinosauri. Questo è possibile con un itinerario di un’ora in auto, attraverso il tunnel del Monte Bianco fino quasi a Finhaut, in territorio svizzero. Da lì, con una salita fino al Lac d’Emosson e un’escursione di 2h30′ a piedi alla conca del Lac du Vieux Emosson, si raggiunge il sito a 2400 m ca di quota. Davanti ai vostri occhi si dispiega un’ampia lastra inclinata di roccia rossastra recante impresse numerose impronte di giganti del Triassico.

Non finiremo mai di sottolineare la facilità con cui dall’Hotel Aigle si possano raggiungere tutti i luoghi interessanti della Val Ferret, della Val Veny e, più in generale, della Valdigne. Alcuni richiedono percorsi a piedi non eccessivamente lunghi. Altri, brevi percorsi in auto, o sugli autobus navetta, o in bicicletta o in funivia.
Riguardo alle mete naturalistiche un po’ più distanti, non c’è dubbio che, tra i tanti aspetti positivi dell’Hotel Aigle, uno dei principali sia la posizione comoda. Così comoda che a meno di 1km si possono imboccare tutte le arterie di traffico principali e raggiungere così tutti i punti di interesse in Valle d’Aosta, nella Alta Savoia e nella Svizzera francese.

Da parte nostra, noi saremo a tua disposizione per fornirti informazioni e consigli sul modo migliore di godere di queste bellezze naturali.

Modulo di prenotazione camere

( Indicare il numero di telefono senza punti, trattini, parentesi o altro )

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo le modalità indicate nella Privacy policy.

 

Per informazioni e termini di prenotazione visita la pagina Prenotazioni.