Arte e cultura a Courmayeur

Courmayeur non può vantare vestigia dell’antichità romana o castelli come altri centri della Valle d’Aosta. Presenta, però, vari edifici di interesse artistico e musei che riguardano aspetti culturali importanti.
D’altra parte, l’autostrada e il Traforo del Monte Bianco avvicinano Courmayeur ad altri centri di interesse artistico, culturale e paesaggistico. Diffatti, in auto o in autobus si raggiungono facilmente località in Valle d’Aosta, in Francia e in Svizzera francese. Le principali sono: Aosta, Chamonix, Annecy, Martigny, Losanna e Ginevra.

Arte a Courmayeur

La chiesa parrocchiale di San Pantaleone a Courmayeur.
La chiesa parrocchiale di San Pantaleone a Courmayeur

La visita di Courmayeur può essere compiuta in un pomeriggio.
Si parte dalla bella chiesa parrocchiale di San Pantaleone, con il suo campanile slanciato. La piazza antistante è dedicata a Joseph-Marie Henry, illustre concittadino. Affacciata sulla stessa piazza è la casa della Società delle Guide, oggi sede del Museo Alpino Duca degli Abruzzi. All’interno sono esposti oggetti, documenti e sono allestiti ambienti che documentano la vita in montagna e la storia dell’alpinismo. Si possono, inoltre, ammirare minerali e cristalli. Nei pressi sorge l’antica torre Malluquin, in cui vengono allestite mostre d’arte. Altra sede culturale è il Jardin dell’Ange, sede del Museo transfrontaliero del Monte Bianco.

Tra le attrazioni dei dintorni bisogna ricordarne soprattutto due. Il santuario di Notre-Dame de la Guérison, elegante chiesetta bianca che sorge all’imboccatura della Val Veny, stagliandosi sullo sfondo del ghiacciaio della Brenva. La casa-forte Passerin d’Entrèves, singolare esempio di antica dimora fortificata a Entrèves.

Arte e cultura in alta Valle d’Aosta

L’antico borgo di Avise con le sue costruzioni medievali.
L’antico borgo di Avise con le sue costruzioni medievali

Gli obiettivi più a portata di mano si possono raggiungere e visitare in mezza giornata.
Pré-Sant-Didier è nota per le terme e il suggestivo orrido. Da lì si può proseguire fino a La Thuile, nota località di villeggiatura e sci, e fino al passo del Piccolo San Bernardo, con l’antico monastero e i resti di un grande “cromlech” megalitico. A Morgex è possibile visitare il centro storico, la bella chiesa e la Cantina di Morgex-La Salle, dove viene prodotto il Blanc de Morgex et La Salle.
Particolarmente interessante è Avise, che presenta varie costruzione di epoca tardo-medievale (Maison de Blonay, castello di Avise, Maison de Mosse). Inoltre, si può visitare la gola di Pierre Taillée, con i resti romani dell’antica “Via delle Gallie”.
Ad Arvier si può visitare la Cantina dell’Infer d’Arvier, uno dei migliori vini rossi della valle. Nei pressi si dipartono le strade che conducono in Valgrisenche e a Les Combes, nota per essere stata luogo di villeggiatura preferito da papa Giovanni Paolo II (Casa Museo Giovanni Paolo II).

A meno di 10 km da Aosta, si incontrano in breve sequenza i castelli Sarriod de La Tour, di Introd e di Sarre. A Introd si dipartono le strade che conducono in Val di Rhême e in Valsavarenche. Sul versante opposto della valle, da Saint-Pierre ha inizio la strada che conduce a Vetan.

Da Aymavilles si diparte la strada che conduce in valle di Cogne. Qui si ammirano la chiesa di Saint Léger, con la facciata affrescata, e il castello ottocentesco, di prossima apertura al pubblico. Nelle vicinanze si possono visitare svariate cantine, tra cui la Cave des Onze Communes di Aymavilles e Le Crêtes.

Arte e cultura ad Aosta

I resti del teatro romano di Aosta.
I resti del teatro romano di Aosta

Aosta non è certo una metropoli, tuttavia presenta un notevole interesse artistico culturale.

Con la denominazione di Augusta Pretoria, in epoca romana fu il principale centro lungo la “Via delle Gallie”. Importanti resti testimoniano questo illustre passato: l’arco d’Augusto, la Porta Pretoria, il suggestivo teatro romano, il criptoportico forense, i resti della cinta muraria e i resti di alcune antiche abitazioni. Importanti reperti di epoca romana sono custoditi al Museo Archeologico Regionale.
Tra le testimonianze di epoche successive spiccano la collegiata di Sant’Orso, con il bellissimo chiostro, la cattedrale di Santa Maria Assunta e il Museo del Tesoro della Cattedrale. Presso il Centro Saint-Bénin, inoltre, vengono allestite mostre temporanee di arte antica, arte moderna e tematiche socio-culturali.

Arte e cultura in bassa Valle d’Aosta

Il suggestivo castello di Fenis.
Il suggestivo castello di Fenis

Il tratto iniziale della Valle d’Aosta che conduce a Ivrea presenta numerosi motivi d’interesse. Le distanze da Courmayeur sono senz’altro maggiori, ma colmabili agevolmente nell’arco di una giornata.

Si possono citare, ad esempio, i numerosi castelli, tra cui spiccano l’austero castello di Fenis, presso Nus, e l’elegante castello di Issogne, nei pressi di Verres.
Imperdibile è la visita del forte di Bard, con il villaggio di origini medievali, le costruzioni del forte, il Museo delle Alpi e le importanti mostre temporanee allestite al suo interno.

In ultimo, vanno ricordati i suggestivi resti di strada romana nei pressi di Donnaz.

Arte e cultura nella vicina Francia e in Svizzera

Il Palais de l'Île di Annecy, in Francia.
Il Palais de l’Île di Annecy, in Francia

Gran parte delle mete in territorio straniero sono raggiungibili da Courmayeur percorrendo il Traforo del Monte Bianco.

Sul versante francese del Monte Bianco merita una tappa Chamonix, con le sue costruzioni in stile savoiardo.
A un’ora di auto si può visitare Annecy, pittoresca cittadina dell’Alta Savoia, sul lago omonimo, ricca di edifici storici: il Palais de l’Isle, il castello, la Cattedrale di Saint-Pierre e le sfilate di case a graticcio sulla rue Sainte-Claire e sulla rue Royale. Nei pressi della vicina Lovagny vale la pena visitare anche le impressionanti Gorges du Fier e i castelli di Montrottier e Menthon.

Da Chamonix si può passare in territorio svizzero e in 30′ raggiungere Martigny, con i suoi edifici barocchi e la Fondation Gianadda, sede di grandi mostre di livello internazionale.
Ginevra dista un’ora e mezza di auto da Courmayeur. Una giornata certo non è sufficiente per una visita completa, ma può bastare per coglierne l’atmosfera elegante e visitare qualcuno dei suoi importanti musei.

Dall’Hotel Aigle si possono raggiungere Morgex in 20′ e Avise in meno di 30′. Con pochi minuti di strada in più si raggiungono Arvier, Saint-Pierre, Introd, Sarre e Aymavilles, il castello Sarriod de la Tour, Introd, Les Combes, il castello di Sarre, il ponte romano di Pondel.
I bellissimi castelli di Fenis e Issogne distano rispettivamente 35′ e 45′ di autostrada, ma richiedono una giornata intera per via dei turni d’ingresso. E lo stesso vale per il Forte di Bard.
Aosta è raggiungibile dall’Hotel in circa 25′ di autostrada o 40′ di statale. La visita può richiedere da mezza giornata a una giornata intera.
In condizioni di traffico scorrevole, dal nostro Hotel si arriva a Chamonix con il traforo in meno di 30′. Si possono poi raggiungere con facilità tutte le località dell’Alta Savoia e della Svizzera francese: Annecy, Martigny, Losanna e Ginevra.

Chi desidera provare qualcuna di queste cose non ha che da chiedere al personale dell’Hotel. E statene certi… Saremo lieti di fornirvi informazioni, suggerimenti, guide e supporto per non farvi rimanere schiavi del Monte Bianco.

Modulo di prenotazione camere

( Indicare il numero di telefono senza punti, trattini, parentesi o altro )

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo le modalità indicate nella Privacy policy.

 

Per informazioni e termini di prenotazione visita la pagina Prenotazioni.